Home Gomito Rigidità gomito
Rigidita' di gomito PDF Imprimer Envoyer
Écrit par Garotta Lorenzo   
Rigidità di gomito.

Molte sono le cause che possono condurre ad una rigidità di gomito:  postumi di una frattura nel bambino, o di una lussazione del gomito, un periodo di immobilizzazione prolungata con formazione di osso ectopico (ad es. in seguito ad un coma...), una malattia sistemica (artrite reumatoide, tubercolosi ...), un processo infettivo, un problema cartilagineo (osteocondrite dissecante, artrosi ....). La rigidità del gomito può essere dovuta ad un problema intra-articolare (ritrazione capsulare e legamentosa) o extra-articolare (postumi di frattura con blocco meccanico). 

Un gomito rigido comporta grandi difficoltà anche solo per i più semplici gesti della vita quotidiana (allacciarsi le scarpe, telefonare, toilette ...).

Se la terapia incruenta non permette di ritrovare una mobilità corretta, si ricorre all'intervento di artrolisi chirurgica: se la causa della rigidità è intra-articolare, in questi ultimissimi anni l'artroscopia di gomito (che fino a qualche anno fa era considerata "non realizzabile" per il difficile accesso a questa stretta articolazione) e nuove tecniche chirurgiche mini invasive artroscopiche  hanno permesso di praticare l'artrolisi  con ottimi risultati. Ciò è determinato principalmente dal fatto che il recupero articolare è molto più rapido ed indolore della classica chirurgia a cielo aperto. La riabilitazione del gomito, indispensabile per un buon risultato, può essere immediatamente intrapresa dopo l'artroscopia in quanto il dolore è minimo.

Diagnosi della rigidità di gomito
E' importante valutare la mobilità del gomito sia per quanto riguarda la flessione-estensione, che la prono-supinazione. L'esame radiografico è indispensabile per depistare una rigidità di origine ossea. In casi in cui la rigidità è post-traumatica la risonanza magnetica nucleare può dare utili informazioni complementari (presenza di corpi estranei...).

Trattamento della rigidità di gomito
L'artrolisi è il gesto da effettuare nelle rigidità intra-articolari di gomito: per recuperare l'estensione, una escissione della capsula articolare anteriore è fondamentale. Per il recupero della flessione, si libererano le aderenze spesso presenti in corrispondenza della capsula postero-esterna. Ciò è effettuabile in casi selezionati in artroscopia. Tuttavia si tratta sempre di casi molto complessi e la riabilitazione è fondamentale. Nei casi di origine extra-articolare, la mobilità può essere recuperata attraverso la rimozione delle cause che provocano il blocco meccanico (osso ectopico...): ciò non è effettuabile in artroscopia.

Riabilitazione di un gomito rigido

La riabilitazione del gomito operato è essenziale per ottenere un buon risultato; viene effettuata secondo protocolli ben precisi. In generale la riabilitazione dipende dalla tecnica chirurgica utilizzata (artroscopica o combinata). Lo scopo è comunque quello di poter iniziare velocemente la riabilitazione dopo l'intervento, per guadagnare la mobilità ed evitare atrofie muscolari.

(Nel sito sono esposte indicazioni di ordine generale: in ogni caso è necessario attenersi alle indicazioni terapeutiche e riabilitative dettate dal chirurgo trattante e dal proprio fisioterapista).

.
Mise à jour le Jeudi, 11 Novembre 2010 08:13